Direttore Alessio Di Mauro
Condirettore Egidio Bandini
Direttore Responsabile Luciano Lucarini

Renzi arruola Carlo Cracco

di Francesco Borgonovo

Giustamente, l’Italia è stata multata dalla Corte di Strasburgo per avertrattato male tre clandestini sbarcati nel 2011 a Lampedusa. Dovremo dare loro diecimila euro a testa. Ci meritiamo, questa punizione. Ci comportiamo come quegli albergatori che, non avendo più stanze disponibili, pur di avere un paio di clienti in più li sbattono in qualche dependance, con un servizio scadente e senza nessun comfort.
Non vale solo per i tre tunisini di cui sopra, ma per la maggioranza degli stranieri. Anzi, dei “migranti”, come si usa dire adesso (chissà perché). Qualche tempo fa sono stato di persona a vedere un centro di accoglienza della Croce Rossa alle porte di Milano. Dentro, in robusti tendoni – gli stessi usati dai nostri militari – vivono circa quattrocento persone. Ho incontrato alcuni degli ospiti: vestiti in modo decente, puliti. Tutti hanno il cellulare, e infatti ricevono settimanalmente una scheda telefonica per chiamare a casa o dove vogliono. Però i clandestini non sono contenti. Vogliono i documenti, tutti e subito, per poter muoversi liberamente in Europa. Vogliono vivere in appartamento e non in tenda. Poi si annoiano. Sono costretti a giocare tutto il giorno al calcio balilla. Ma, soprattutto, non gradiscono il cibo.
Uno di loro spiegava: “Sono qui da quattro mesi e non mi hanno mai servito la pizza o degli hamburger. Se vado al ristorante con gli amici mangio meglio”. Ha ragione, maledizione. Ma che figura ci facciamo? Il Paese dell’Expo sul cibo, la nazione della grande cucina e del turismo… Nemmeno la pizza possiamo servire? è chiaro che poi uno si lamenta. E che l’Europa ci multa. A questo punto, c’è una sola cosa da fare: rivolgersi a Sky. L’emittente metterà in campo i suoi professionisti, da Antonino Cannavacciuolo a Carlo Cracco, per insegnare agli chef dei campi di accoglienza come si trattano i clienti. Vedrete, nel giro di un paio di settimane, nei centri per gli immigrati si mangerà come in un ristorante stellato. Non sia mai che l’Italia rimedi ancora pessime figure agli occhi del mondo.

No Comments Yet.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *