Direttore Alessio Di Mauro
Condirettore Egidio Bandini
Direttore Responsabile Luciano Lucarini

L’Isis copia il Pd

di Francesco Borgonovo

Ormai il Califfato di Siria e Iraq è senza freni. In uno degli ultimi video ha dichiarato che attaccherà Parigi, poi farà esplodere la Tour Eiffel, quindi si concentrerà sul Big Ben, facendolo saltare e infine si
dedicherà alla Casa Bianca, distruggendo pure quella. Ovviamente, finita la serie di attentati dinamitardi, si dedicherà a Roma.
Gli uomini in nero dello Stato islamico, infatti, hanno fatto sapere che conquisteranno la Capitale d’Italia e si diletteranno in attività costruttive tipo schiavizzare le nostre donne e i nostri figli. Vogliamo vederli, a proposito di donne, quando si troveranno ad affrontare le militanti di “Se non ora quando”, ma questo è un altro discorso. Tra l’altro, nei suoi documenti, l’Is promette che distruggerà la mafia, che abbasserà le tasse, che eliminerà la schiavitù economica nei confronti delle banche e dell’Unione Europea.
In pratica, proprio come fece il Pd, hanno copiato metà del programma dai Cinque Stelle. I quali dissero, fra l’altro, che avrebbero lanciato dei missili su Roma per distruggere il Parlamento. Proprio come il Pd, lo Stato islamico fa grandi promesse, ma ne mantiene poche. Ogni giorno rilancia, aumenta la posta, poi alla fine si accontenta di piccole cose. Nelle ultime settimane, infatti, alcuni hacker legati allo Stato islamico hanno colpito sul territorio italiano. Ecco le loro terrificanti azioni: hanno bloccato il sito del Pd toscano, il sito dell’azienda dei rifiuti di Pinerolo e il sito di Vladimir Luxuria. Pare che numerosi vip, soprattutto ex concorrenti del Grande Fratello e di Uomini e donne si siano molto offesi per non essere stati minacciati: “Se oggi l’Is non ti minaccia”, ha detto un ex tronista, “vuol dire che non sei nessuno”. Il prossimo obiettivo degli uomini in nero, pare, sarà la nuova edizione di Masterchef. “Glielo faremo vedere noi a Cracco”, ha dichiarato in un video il portavoce del Califatto al-Adnani, “chi è davvero bravo col coltello”. Subito dopo, il jihadista ha decapitato un branzino.

No Comments Yet.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *