Direttore Alessio Di Mauro
Condirettore Egidio Bandini
Direttore Responsabile Luciano Lucarini

Una battaglia di civiltà: Deselfiezzare il premier

di Francesco Borgonovo

Ah, la confusione fra vita pubblica e privata. In questi anni sono stati versati fiumi di inchiostro sull’argomento, i più pregevoli editorialisti si sono cimentati sul tema. Tutti a dire che, certo, la privacy – all’inglese che fa più figo – non si tocca, per l’amor di Dio. Ma poi ecco che scodellavano sui loro giornaloni tonnellate di intercettazioni. Una pioggia di “culi flaccidi”, di mignotte assortite, di donnine che si vestono da suore o da poliziotte (sfidando, in quel caso, il debole cuore del Cavaliere, a cui la vista di un gendarme di solito non fa venire in mente nulla di buono). Poi, guarda un po’, da oltre le Alpi arriva il caso di François Hollande, capo di Stato socialista, e della sua ex Valérie Trierweiler. Lui la cornifica, e si fa beccare dai giornali di gossip. Lei si incazza come una vipera – cornuta, per la precisione – e lo sputtana soavemente in un libro. In cui rivela, fra l’altro, che l’amico Hollande si diverte a chiamare i poveri “sdentati”.

Sulle prime, vien da pensare che il vero sdentato è lui, poiché al posto del viso ha un deretano, notoriamente privo di incisivi e canini. Poi uno ci riflette un po’ e dice: ma insomma, François avrà ripetuto qualche battutaccia per fare il cretino. Dopo tutto, uno in casa sua dice quel che gli pare e non bisogna rompergli le balle. Lo sostiene perfino Michele Serra su Repubblica, cioè il giornale che più ha campato sulle intercettazioni, il giornale che pubblicò lo sfogo di Veronica Lario contro Silvio, a suon di Vergini che si offrivano al Drago (tanto per restare in tema di facce e di sederi…). Ecco, visto che pure a sinistra si son messi d’accordo sul fatto che la privacy va tutelata, e che i fatti privati devono rimanere tali, resta un enorme interrogativo, ritto come un palo puntato sulle coscienze di tutti noi. Per quale motivo Matteo Renzi continua a farsi delle foto impresentabili in ogni situazione e le posta su internet?

Se non ha a cuore i suoi fatti privati, almeno pensi al suo popolo. Matteo, metti giù il telefono: noi i denti li abbiamo, il pane meno. E vorremmo riuscire a mangiarlo.

No Comments Yet.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *